#3 tema del giorno: la cultura della legalità

venditori abusiviConciliare solidarietà e accoglienza con tutela della legalità e rispetto delle regole. E’ un obiettivo difficile, ma irrinunciabile se si vuole evitare l’incancrenirsi di situazioni che diventano facile preda del populismo più strumentale.

E’ ciò che stiamo vedendo in queste settimane a proposito del mercatino abusivo di Via Turati, a Genova, divenuto luogo di pellegrinaggio dei politici della destra che vedono nella vicenda una facile occasione per lucrare consensi a buon mercato.

Detto ciò, queste situazioni vanno governate e ciò che è palesemente abusivo, per ammissione degli stessi ambulanti, va affrontato come tale, evitando di creare inique discriminazioni con chi nel centro storico vive di commercio ed è giustamente tenuto a rispettare la legge.

Per questo va dato ascolto ai comitati di cittadini del centro storico che mettendo l’accento su un problema circoscritto, richiamano l’attenzione su un principio generale: il rispetto della legalità.

La cultura della legalità è uno dei capitoli del mio programma, in continuità con le iniziative regionali per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso. Un impegno che ha tante facce: dalla lotta contro la corruzione al contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo. Obiettivo quest’ultimo sul quale mi sono speso con diverse iniziative in Consiglio regionale, alcune delle quali sono andate a segno come nel caso delle disposizioni che premiano i Comuni che adottano appositi regolamenti per ostacolare quella che è diventata una vera piaga sociale.

 #temadelgiorno #unideadiliguria #legalità #viaturati #azzardo 

Grande soddisfazione per l’approvazione del bando sulle associazioni dei Comuni.

unioneCon la delibera, approvata ieri dalla Giunta regionale, relativamente al bando per le associazioni dei Comuni, la nostra regione fa un ulteriore passo avanti per una riorganizzazione efficiente del suo assetto istituzionale e territoriale.

L’importo complessivo stanziato, pari a 1,1 milioni di euro, è articolato sia per favorire la presentazione di nuove Unioni di Comuni, sia per progetti già costituiti. In questo caso l’indicazione nel bando dei contenuti specifici, sui quali dovranno vertere i progetti, dà un chiaro indirizzo su alcune linee guida sulle quali ritengo fondamentale lavorare in tema di enti locali, quali semplificazione, informatizzazione, riqualificazione delle procedure. Continua a leggere

Gioco d’azzardo: incentivi a piccoli comuni che contrastano diffusione sale.

slot_fdgAccolgo positivamente la decisione del vice-presidente Claudio Montaldo di costituire un gruppo di lavoro che si occupi della redazione di un apposito regolamento per la piena applicazione della normativa regionale di contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo

L’interrogazione da me presentata poneva l’attenzione sull’attuazione della legge regionale in materia di promozione della cultura della legalità ed, in particolare, sull’articolo che prevede la possibilità da parte dell’Amministrazione regionale di inserire nei bandi premi e forme di incentivazione per i Comuni virtuosi che adottino politiche restrittive nei confronti di sale da gioco e di contrasto alla diffusione dello stesso.

Si tratta di uno strumento di forte potenzialità, che, se efficacemente applicato, costituirebbe un’arma molto importante in mano agli amministratori dei Comuni, soprattutto di quelli più piccoli, per riuscire a difendersi e contrastare la diffusione del gioco d’azzardo, considerando che, rispetto a quelli di maggiori dimensioni, hanno più difficoltà a fare argine ed opposizione alle aperture sempre più richieste nei Comuni piccoli dell’entroterra.

Ben venga quindi un approfondimento puntuale da parte di un gruppo di lavoro, che coinvolga tutte le strutture a vario titolo interessate e metta a punto un regolamento con la finalità di applicare effettivamente i criteri premiali di tutela sociale introdotti dalla legge regionale, nonché contenere ogni genere di contenzioso e potenziale ricorso ai dinieghi di apertura da parte degli enti locali.