#25 tema del giorno: parchi e turismo escursionistico

Rif ArgenteaLa Liguria deve riconsiderare le proprie potenzialità turistiche e conseguentemente ripensare la propria offerta turistica. Grazie alla grande diversità dei suoi habitat e dei suoi paesaggi la Liguria è in grado di proporre un’offerta variegata che, oltre alla consolidata qualità dell’offerta balneare, sia in grado di puntare sulle ricchezze ambientali, paesaggistiche e storico-culturali delle aree costiere e dell’entroterra. Per questa ragione è importante potenziare il ruolo dei parchi regionali che, accanto all’insostituibile compito di tutela attiva degli ecosistemi e di valorizzazione delle risorse naturalistiche, hanno, con il tempo, consolidato un ruolo significativo nell’attività di coordinamento nei confronti dei Comuni e costituito un riferimento per gli operatori economici locali, facendo leva sulla qualità delle filiere agroalimentari e sulla promozione del turismo ecocompatibile. Occorre quindi identificare i Parchi regionali come avamposti di un nuovo modello di sviluppo sostenibile, a partire dall’entroterra guardando a temi quali l’imprenditoria giovanile, la valorizzazione delle attività agro-silvo-pastorali, l’ospitalità diffusa, la tutela e la promozione delle tipicità.
Tutto questo mi fa pensare che è stata giusta la battaglia che a suo tempo ho sostenuto per evitare che, per effetto delle politiche di spending review, si determinasse un impoverimento del ruolo propulsivo dei Parchi che avrebbe comportato una perdita di autonomia e di rappresentanza dei territori con il rischio concreto del sopravvento di una concezione di Parchi essenzialmente vincolistica e pertanto foriera di incomprensioni e conflittualità. Così come è stata giusta la battaglia per il rifinanziamento delle attività a supporto della gestione della REL – Rete Escursionistica Ligure – e dell’Alta via dei Monti Liguri, sicuramente uno dei punti di forza del turismo ligure che, anzi, deve essere opportunamente efficientato tenuto conto della straordinaria attrattiva che può esercitare nei confronti del turismo escursionistico sia sul piano nazionale che europeo.

 #parchi #entroterra #turismo #escursionismo #temadelgiorno #unideadiliguria

#23 tema del giorno: trasporti pubblici e pendolarismo

Sono davvero tanti i cittadini che ogni giorno si muovono con i mezzi pubblici. Tra loro ci sono anche tanti pendolari che per ragioni di lavoro e di studio si spostano lungo il nostro territorio con treni e corriere. Nell’attività che ho svolto in Consiglio regionale e nell’ambito della IV Commissione ho sempre sostenuto la necessità di considerare la mobilità un diritto che non può essere messo in discussione con una politica di tagli indiscriminati, pur a fronte della progressiva riduzione del Fondo Nazionale Trasporti. La necessità di conseguire risparmi non deve mettere in secondo piano regolarità e sicurezza dei servizi, su ferro e gomma. Lo dico da amministratore e posso dirlo anche come pendolare che conosce bene i disagi che ogni giorno vivono migliaia di persone in movimento.

Linea ferroviaria Genova - OvadaAttraverso la mia attività amministrativa mi sono occupato di carenze infrastrutturali, disservizi e ho difeso il mantenimento del presidio delle piccole stazioni. Così come mi sono occupato della gestione delle criticità dovute al maltempo, a seguito della soppressione di treni anche in presenza di perturbazioni non gravi. Mi sono battuto contro i tagli alle linee di valico, che presentano rilevanti problematiche infrastrutturali, dovute anche alla loro vetustà.

In questi due anni ho rivolto un particolare impegno al varo della riforma del trasporto pubblico locale, che ha avuto una gestazione molto complessa e sofferta. L’istituzione del bacino unico regionale rappresenta la premessa essenziale per assicurare al sistema una gestione sostenibile, nell’ottica dell’integrazione ferro-gomma. Si tratta ora di dare attuazione alla norma, senza ulteriori indugi, attraverso un’assunzione di responsabilità da parte innanzi tutto dei soci dell’Agenzia regionale da poco costituita e in generale dei Comuni che fruiscono del servizio, affinché si possa arrivare al bando di gara e all’assegnazione del servizio possibilmente entro quest’anno.

#pendolari #diritti #mobilità #Liguria #trasporto #unideadiliguria #temadelgiorno 

#21 tema del giorno: agricoltura e presidio del territorio

In questi anni è cresciuta sensibilmente la convinzione che l’agricoltura riveste un’importanza strategica non solo sotto l’aspetto economico, ma anche per il fondamentale ruolo di presidio del territorio.
Negli ultimi 40 anni in Liguria la superficie agricola utilizzata è passata dal 40% all’8% dell’estensione complessiva del territorio regionale, si è verificata una sensibile diminuzione delle aziende e le aree forestali sono passate dal 44% al 70% dell’intero territorio, facendo della Liguria una delle regioni più boscate del Paese.

agricoltura e presidio del territorio

A questi dati è legato il progressivo abbandono del territorio montano e rurale con le conseguenze che purtroppo ben conosciamo in termini di aumento dei rischi connessi alla fragilità idrogeologica del nostro territorio. Nel corso dell’ultimo quinquennio la Regione ha rivolto un particolare impegno per invertire la tendenza allo spopolamento delle campagne anche attraverso provvedimenti mirati al recupero produttivo dei terreni agricoli abbandonati, come nel caso della legge regionale sulla “Banca della Terra” al cui iter ho collaborato attivamente.
Ma non basta. Occorre dedicare ogni sforzo per la rivitalizzazione dell’entroterra sostenendo innanzitutto il settore produttivo che maggiormente connota l’agricoltura delle aree interne: la zootecnia. Un comparto oggi alle prese con gravi difficoltà connesse in particolar modo alla commercializzazione delle produzioni di carni e lattiero-caseari. Difficoltà maggiormente aggravate dalla fine del regime delle quote latte. Questi temi sono stati al centro di un incontro da me promosso in collaborazione con l’Associazione Regionale Allevatori che si è svolto ieri a Masone, e che ha visto la partecipazione di Raffaella Paita. Un’occasione molto utile per sottolineare i problemi e le criticità di un comparto che in Liguria non fa grandi numeri dal punto di vista economico, ma che esprime un forte valore aggiunto in termini di qualità dei prodotti.

Per sostenere gli allevamenti delle zone montane bisogna garantire un reddito dignitoso a chi si dedica ad un’attività molto faticosa ma che ha ricadute importanti per la collettività. Raffaella Paita, ad ulteriore conferma di quanto già contenuto nel suo programma di governo, si è assunta davanti agli allevatori delle valli genovesi degli impegni importanti, in primis quella di convocare subito dopo le elezioni del 31 maggio un “tavolo verde” per mettere a punto le misure necessarie a superare le tante emergenze sul tappeto e a far diventare l’agricoltura un settore primario, mettendo a miglior frutto le opportunità offerte dal nuovo ciclo dei fondi europei e cambiando la qualità della spesa regionale.

#entroterra #agricoltura #Liguria #unideadiliguria #temadelgiorno

A Masone con gli allevatori


Allevatori Valle SturaMercoledì 20 maggio
sarò a Masone con la candidata alla presidenza della Regione Liguria Raffaella Paita per incontrare gli allevatori e parlare con loro e con le organizzazioni professionali agricole dei problemi e delle opportunità della zootecnia ligure.

Appuntamento alle 9.30 alla Sala Don Bosco dell’Opera Mons. Macciò a Masone

#17 tema del giorno: la Liguria non può restare un museo a cielo aperto

escursioneI mutamenti dello scenario economico hanno determinato anche in Liguria la necessità di ridefinire i propri assetti strategici, orientando sempre di più l’economia regionale verso il turismo, una vocazione che la nostra regione ha da oltre un secolo ma che necessita di essere inquadrata in un contesto più ampio e soprattutto strutturato.

Ma un’economia basata solo sul turismo è troppo fragile: lo dimostrano il caso di altre regioni in cui, abbandonata l’industria di stato, non è stato costruito un tessuto imprenditoriale in grado di fronteggiare la sfida globale e soprattutto la concorrenza di un’offerta turistica globale, per cui mete sino a ieri inesplorate sono oggi alla portata di molti.

Investire solo su un segmento dell’economia, ancorché redditizio, comporta il rischio di trasformare il territorio in un museo a cielo aperto, da contemplare e gustare ma che, una volta consumato, viene inesorabilmente destinato al declino e all’abbandono.

Occorre quindi investire in un sistema economico che integri il segmento turistico in un insieme di azioni coerenti e coordinate che riguardino la costruzione di un tessuto imprenditoriale strutturato, in grado di adattarsi ai cambiamenti sociali ma soprattutto di produrre ricchezza distribuita.

 

#14 tema del giorno: #edilizia residenziale pubblica

I problemi dell’edilizia residenziale pubblica in Liguria emergono con maggior forza a Genova e in particolare nel ponente genovese. In questi anni anche nella nostra regione si è assistito a un crescente degrado generale dei quartieri ERP, degrado che non riguarda solo la parte strutturale e manutentiva degli immobili, ma che purtroppo include il senso di appartenenza alla collettività e della propria qualità di vita percepito dagli abitanti di ampie zone del capoluogo, in cui si registra una sfiducia sociale che spinge migliaia di cittadini genovesi ad allontanarsi dalle istituzioni e dai loro rappresentanti, non sentendosi difesi e ascoltati.

Accedere alle case popolari è il primo passo di un percorso che deve tutelare anche la permanenza degli abitanti, secondo i requisiti previsti, applicando norme e leggi di cui un’amministrazione cosciente deve saper farsi carico, difendendo i diritti degli assegnatari affinché non nascano categorie di cittadini di serie A e di serie B.

Le "Lavatrici" a GenovaOggi siamo invasi da notizie che ci fanno partecipi dei problemi di cittadini che vengono privati del diritto alla casa da categorie di persone disagiate che, usando la forza, si impadronisco abusivamente di alloggi ERP.

Purtroppo queste situazioni aprono il varco a condizioni di illegalità ed una buona politica non può lasciare che questi insediamenti residenziali diventino zone franche, la buona politica si batte per difendere il valore sociale di quelle comunità che con fatica e impegno rendono migliore e vivibile ogni giorno alcuni quartieri difficili.

Occorre che le politiche sociali territoriali guardino all’edilizia residenziale pubblica non come soluzione pratica alle emergenze sociali, che tanto stanno interessando non solo il nostro territorio ma tutta l’Italia, ma come risorsa sociale di crescita qualitativa dei cittadini.

Con le modifiche della legge regionale n. 10/2004 inerenti i requisiti e i regolamenti delle assegnazioni dell’edilizia popolare, la Regione Liguria ha dimostrato un impegno verso queste tematiche, ma tale impegno va proseguito con nuovi programmi e progetti migliorativi per l’emergenza abitativa.

Il Contratto di Quartiere Voltri 2 è una testimonianza di come la riqualificazione di una zona degradata può trasformarsi in un esempio eccellente di impegno sociale da parte delle istituzioni (dal 2010 al 2012 riqualificazione urbanistica con bando europeo vinto da ARTE per la messa in opera dei lavori di ristrutturazione del quartiere di Voltri 2 sulle alture di Voltri).

Un impegno concreto che può essere portato avanti anche con la collaborazione e le idee dei comitati di quartiere che, legalmente eletti, raccolgono i problemi e le istanze dei cittadini ERP, affinché nasca una sinergia costruttiva che, come obiettivo finale, veda la dignità e il diritto di vivere in un ambiente sicuro e di pari valore ad altre realtà residenziali nel territorio, diventando al contempo opportunità per la crescita civile della città.

#casa #edilizia #dirittiallacasa #alloggi #erp #temadelgiorno #unideadiliguria