Il bilancio regionale tiene sui servizi essenziali, aperte questioni nei confronti del governo

bilancioQuesto il mio commento, in qualità di presidente della Commissione II Bilancio e relatore di maggioranza, nella discussione del 19 dicembre 2013, durante il Consiglio regionale, relativamente alla Legge Finanziaria ed al Bilancio di previsione 2014 della Regione Liguria:

Il Bilancio della Regione Liguria diventa sempre più simile ai bilanci dei Comuni e delle Province con margini di manovra ridotti a lumicino sia sul fronte finanziario che fiscale.

Tra tagli lineari dovuti alla spending review, vincoli posti dal Patto di Stabilità, meccanismi di controllo quantitativo e qualitativo della spesa pubblica, in questi anni non solo non si è dato corso al federalismo fiscale, ma anzi si sono progressivamente ridotti gli spazi di autonomia. In più, con il progressivo taglio dei trasferimenti statali, nel caso non si riesca a stare dentro i tagli, si paventa, come già succede per i grandi Comuni e le Province maggiori, la possibilità della restituzione di quote delle nostre imposte.

Siamo riusciti a tenere sui servizi essenziali: sociale, sanità, trasporti ma corriamo il rischio di non poter più incidere sulle aliquote delle imposte di competenza regionale, quali l’IRPEF.

Inoltre, restano aperte questioni di grande rilievo nei confronti del Governo, quali il finanziamento della cassa integrazione in deroga, il fondo nazionale per le politiche sociali, il fondo per la non autosufficienza, il fondo nazionale per il trasporto pubblico locale, il cofinanziamento dei programmi comunitari, il patto di stabilità interno, tutte questioni sulle quali ci impegneremo per giungere a soluzioni positive.

Musei in rete per nuove opportunità di sviluppo

V__6F35Sabato 14 dicembre 2013 a Masone si è svolta l’inaugurazione dell’ascensore e degli interventi di restauro dell’antico Convento agostiniano del XVI secolo alla presenza del presidente Burlando, degli assessori Paita, Rossetti e Boitano e dei sindaci dei Comuni delle Valli Stura, Orba e Leira.

Con queste opere si completano gli investimenti del progetto “Musei in rete” finanziati da Regione, Provincia e fondi europei.

Investimenti attraverso i quali tutti i Comuni hanno potuto e saputo riqualificare, in modo coordinato, il meglio del loro patrimonio artistico, storico e culturale.

La visita si è conclusa a Campo Ligure presso il Museo della Filigrana anch’esso oggetto di interventi di valorizzazione delle strutture espositive.

Ora la sfida è quella di costruire intorno a questi musei una strategia di rilancio turistico ed economico che coinvolga l’intero comprensorio, anche facendo leva sul nuovo ciclo di programmazione dei fondi comunitari 2014-2020.

V__B86B V__DD3B

V__8528 V__2A01

Convegno “Dai valori che hanno sostenuto la Lotta di Liberazione alla difesa dei principi della Costituzione”

convegno 20111201Questa mattina ho partecipato al convegno che si è tenuto a Campo Ligure sul tema “Dai valori che hanno sostenuto la Lotta di Liberazione alla difesa dei principi della Costituzione“.

Tra i relatori Dario Rossi dell’Associazione Giuristi Democratici e Massimo Bisca Presidente dell’Anpi di Genova. L’iniziativa è stata promossa nell’ambito della campagna di sensibilizzazione della politica e dell’opinione pubblica per rompere il clima di silenzio e di indifferenza intorno al tentativo del Parlamento di modificare l’art.138 della Costituzione.

Occorre la massima vigilanza nei confronti dei rischi connessi al tentativo di superare la fondamentale norma di garanzia prevista per mettere la carta costituzionale al riparo da forzature congiunturali e da tentazioni legate a sbocchi di stampo autoritario.